della Scuola superiore dell'economia e delle finanze
a cura del Ce.R.D.E.F - Centro Ricerche Documentazione Economica e Finanziaria   
Scuola superiore dell'economia e delle finanze   Centro Ricerche e Documentazione economica e finanziaria
cerca nella rivista  
  Ricerca - Vai Servizio di Documentazione Economica e Finanziaria  
 Indici Interviste Bibliografie Schede librarie Definizioni Biblioteche Documenti    storici Biografie Frase Tesi
Stampa l'articolo      Segnala l'articolo Invia un commento alla redazione

 ti trovi in:  Home  > Articoli > 

"Il Parco Nazionale d’Abruzzo liberato dall’allagamento"

Un conflitto tra tutela ambientale e sviluppo industriale durante il fascismo*

Un conflitto tra tutela ambientale e sviluppo industriale durante il fascismo*

 

1 Una sintesi introduttiva - 2 Genesi e scopi del Parco Nazionale d’Abruzzo - 3 Le prime opposizioni – 4 Le ragioni dell’opposizione – 5 Una «vittoriosa difesa del nostro paesaggio» - 5 Una vittoria parziale, un modello per il futuro

  

 

Una sintesi introduttiva

Il primo numero della rivista abruzzese-molisana «il Centauro», che uscì nel febbraio 1928, presentava un articolo del deputato Erminio Sipari (1879-1968), cugino di Benedetto Croce, che era stato intitolato Il Parco Nazionale d’Abruzzo liberato dall’allagamento. La singolarità del titolo veniva chiarita dopo una premessa sull’istituzione, sulle bellezze paesaggistiche, sulla flora e sulla fauna peculiari dell’area protetta appenninica, riassumendo le fasi più significative di un conflitto che aveva opposto l’Ente autonomo del Parco Nazionale d’Abruzzo (Pna) alla società “Terni”, che intendeva formare due laghi artificiali nelle piane di Opi e di Barrea. Specialmente tra il 1924 e il 1928, mentre la seconda appose al progetto il “marchio” dell’interesse nazionale, forte peraltro dei reiterati avalli del Consiglio superiore dei Lavori pubblici (Ll.Pp.), il primo, sostenuto da esponenti del variegato panorama scientifico-naturalistico dell’epoca e da un eterogeneo gruppuscolo di parlamentari, si oppose tenacemente alla concessione governativa, ravvisando nei due bacini il pericolo di una devastazione ambientale del Pna.    

Da vicenda inizialmente locale, essa si spostava rapidamente sul piano nazionale, anche a fronte di una contrapposizione che non investiva soltanto le allora inconciliabili necessità dello sviluppo industriale e della tutela ambientale, ma anche i vertici del fascismo, sostanzialmente divisi tra la difesa di un’istituzione, quella dei parchi nazionali, che per primi avevano realizzato, e le pressioni della lobby economico-industriale. Una siffatta divisione trovava, peraltro, la più logica espressione nel palese conflitto tra i ministeri dei Ll. Pp. e della pubblica istruzione (poi educazione nazionale). Alla fine, nel caso del Pna, le istanze del primo movimento per la conservazione della natura, che pure non erano annoverate fra le priorità del regime, presero il sopravvento. Il sorprendente esito della vicenda in oggetto rientra fra le più significative testimonianze del consolidamento di quel lungo percorso ambientalista, sviluppatosi nella seconda metà del XIX secolo, che aveva trovato un’affermazione importante già sul declinare dell’età liberale. Con il disegno di legge presentato da Croce, in Senato, il 25 settembre 1920 (legge 11 giugno 1922, n° 778), strumento basilare per la successiva istituzione dei parchi, l’Italia venne proiettata, infatti, all’avanguardia europea in fatto di tutela naturalistica.

 

Genesi e scopi del Parco Nazionale d’Abruzzo

I primi due parchi nazionali italiani (Gran Paradiso e Abruzzo) furono istituiti, com’è noto, all’indomani dell’avvento del fascismo, rispettivamente con i regi decreti 13 dicembre 1922, n° 1584 e 11 gennaio 1923, n° 257. Il secondo dei due, tuttavia, risultava già costituito di fatto, con tanto di solenne inaugurazione, che si era svolta, a Pescasseroli, il 9 settembre 1922[1]. Ciò, del resto, era la conseguenza di un dibattito decennale sull’istituzione di un’area protetta in Abruzzo sviluppatosi, dalla fine del primo decennio del900, attraverso gli studi dello zoologo Alessandro Ghigi e del botanico Pietro Romualdo Pirotta[2]. Tale dibattito, che era stato interrotto bruscamente dal terremoto della Marsica e dall’entrata in guerra dell’Italia, si era poi rinnovato con le iniziative della Federazione Pro Montibus, che nel 1917-’18 formò un’apposita “Commissione per i parchi nazionali e la tutela della flora e della fauna italiane” e promosse la pubblicazione di tre studi preliminari[3]. L’iniziativa però non incontrò la disponibilità economica del governo; ciò indusse la stessa Pro Montibus a costituire autonomamente, il 25 novembre 1921, un Ente Autonomo del Pna, amministrato da un Direttorio provvisorio sotto la guida di Erminio Sipari, che preparò e fece stipulare i contratti di affitto con i comuni interessati.

Il citato regio decreto del ’23 (convertito con Legge 12 luglio 1923, n° 1511), che costituiva il Pna su un territorio di 180 Km², successivamente più volte ampliato, non faceva altro, quindi, che recepire i risultati degli anni precedenti, sancendo, de jure, lo «scopo di tutelare e migliorare la fauna e di conservare le speciali formazioni geologiche, nonché la bellezza del paesaggio». A questo Sipari fece aggiungere, con un altro regio decreto (4 gennaio1925, n° 69), anche lo scopo di «promuovere lo sviluppo del turismo e dell’industria alberghiera»[4], come del resto era stato previsto, nel 1918, da Ercoli Sarti. Le attività del Pna, infatti, non dovevano essere rivolte soltanto a far rispettare i divieti e alla ricerca scientifica, come era per il Gran Paradiso, ma anche permettere di ammirarne le bellezze e di rendere comodo e piacevole il soggiorno, risolvendo il problema della viabilità, dei mezzi di trasporto e dell’abitabilità[5]. Non è un caso, quindi, che nella Commissione amministratrice fossero subito stati compresi, oltre a botanici, naturalisti, zoologi ed escursionisti, anche i rappresentanti del Touring Club Italiano (Tci) e dell’Ente Nazionale per l’Industrie Turistiche.

In tal modo Sipari riuscì a sviluppare un ampio ed organico programma di collegamenti stradali, che comprendeva anche la poco nota proposta di un’autostrada Roma-Napoli con uscita a Cassino[6], e promuovere il territorio con una serie di mirate iniziative, quali campeggi, campi-scout, conferenze, campagne fotografiche e cinematografiche, e con specifici articoli e saggi a carattere sia divulgativo che scientifico. All’autorevole monografia di Benedetto Croce sul paese natio, che era uscita poco prima dell’inaugurazione del Parco al fine di veicolare all’esterno l’immagine di un borgo appenninico ancora sconosciuto ai più[7], si affiancarono, infatti, scritti caratterizzati da un’estrema incisività comunicativa, che illustravano, intrecciandoli, tanto gli aspetti naturalistici, paesaggistici e zoologici, quanto il ben più difficile concetto di parco. In tal senso, risultarono d’indubbia efficacia i saggi di Emidio Agostinone e dello stesso presidente dell’Ente Parco che furono pubblicati in contemporanea, nel luglio 1924, sulle prestigiose riviste «Emporium»[8] e «Nuova Antologia». Il secondo, a ben vedere, sintetizzava efficacemente la visione modernizzatrice che ne ispirava gli atti:

 

Il Parco d’Abruzzo permette, anzi facilita, l’accesso del pubblico per il godimento delle bellezze e delle sue rarità […] e perciò non si tratta di una Bandita, come è per i Parchi della Svizzera e del Piemonte, ma di un vero e proprio Parco Nazionale, cioè di uno sterminato giardino pubblico, esteso quanto la repubblica di Andorra, e con le porte aperte agli escursionisti di tutto il mondo. E il Parco d’Abruzzo dovrà divenire col tempo un grande campo sportivo, ove le persone di tutte le età e di tutti i ceti, dall’operaio al nababbo, potranno trovare, secondo le risorse della loro borsa, condizioni propizie per riposare lo spirito, per dedicarsi agli esercizi fisici sia d’inverno che d’estate; e potrà divenire un sito di villeggiatura montana per le grandi clientele di Roma, di Napoli e delle Puglie, che ne difettano. […] Quindi, a differenza dei Parchi della Svizzera e del Piemonte, il Parco d’Abruzzo non ha solo lo scopo scientifico, comune anche ad essi, della tutela e del miglioramento della fauna e della flora e della conservazione delle speciali formazioni geologiche e della bellezza del paesaggio; ma si prefigge anche lo sviluppo del turismo e dell’industria alberghiera nell’ambito del Parco e dei suoi dintorni[9].

 

 

Questo modello di sviluppo sostenibile ante-litteram[10] dovette subire, almeno in parte, una frenata non del tutto imprevista, a causa di una «potente società»  – come avrebbe scritto Sipari tre anni più tardi – che aveva presentato una domanda per ottenere sia la concessione di una derivazione d’acqua a scopo industriale, sia la formazione di due «immondi laghi artificiali», quelli di Opi e di Barrea, i quali, per il fatto stesso di non essere naturali, avrebbero «alterato lo specchio d’acqua». Sipari sosteneva infatti che, «per impinguare» le acque del Sangro prima di effettuare il «salto nelle turbine», i bacini dovessero essere interamente svuotati d’estate, per configurarsi, a tutti gli effetti, come «luridi pantani». Secondo la sua opinione, una volta svuotati, di questi laghi non sarebbe rimasta che «la disgustosa vista del loro fondo coperto di fanghiglia, di acquitrini, di cannucce e di alghe, che tramanderanno odori pestilenziali», e proprio nella  stagione in cui si riscontrava il maggiore afflusso di visitatori[11].

Persino lo storico abruzzese Gioacchino Volpe, in un fondo apparso sulla prima pagina del «Corriere della Sera», richiamava l’attenzione sui «nemici palesi od occulti» del Pna che avrebbero vanificato l’auspicabile sviluppo turistico-ricettivo, e si schierava recisamente contro la formazione degli invasi:

 

Turismo e industria alberghiera, nel centro del pittoresco Abruzzo, vicino a due grandi città come Roma e Napoli, sono cosa desiderabile e possibile. E l’Ente si mise subito al lavoro: creare o sviluppare vie di accesso al Parco, promuovere le facili e rapidi comunicazioni con i centri maggiori, sollecitare gli industriali dell’albergo e i piccoli albergatori locali, vigilare contro i nemici palesi od occulti del Parco…Appunto. Proprio quando la pesante macchina si stava mettendo in movimento, ecco un sasso lanciato fra gli ingranaggi: cioè la domanda, avanzata da una grande società industriale, di poter sbarrare le gole di Opi e Barrea e costituire due bacini montani. I corpi tecnici hanno dato parere favorevole. Dobbiamo temere per la vita, appena iniziata, del giovane Parco? Poiché non c’è dubbio che Parco e bacini montani sono inconciliabili[12].

 

 

Le prime opposizioni

La «grande», «potente» società industriale, cui si riferivano sia Sipari che Volpe, era la Terni[13]. E il suo progetto, che era stato presentato in precedenza dalla “Società per il Carburo di Calcio” – incorporatasi con la prima, per fusione, nel febbraio del ’23 –, prevedeva di regolarizzare la portata del Sangro mediante due serbatoi da costruirsi lungo il corso dello stesso fiume, nei territori di Opi e di Barrea, per una capacità complessiva di 76 milioni di metri cubi. Nella riunione del 29 giugno 1924, il Consiglio superiore dei Ll. Pp. considerò ammissibile la richiesta di concessione, ritenendo peraltro che, oltre al miglioramento del regime fluviale, i due bacini avrebbero consentito ulteriori future utilizzazioni. A seguito di questo parere, il Ministero dei Ll. Pp. aveva avviato le pratiche necessarie per la concessione. È a questo punto che prendono avvio le opposizioni al progetto.

In sede parlamentare, il presidente dell’Ente Parco, oltre a ribadire che i due laghi avrebbero deturpato il paesaggio, sottolineava anche che essi avrebbero interessato una parte di territorio che, pur non ricadendo ancora nel perimetro protetto, sarebbe stato oggetto di un successivo ampliamento, che puntualmente si verificò tra l’inverno del ’25 e l’estate del ‘26[14]. Sta di fatto che il Consiglio superiore dei Ll. Pp., riunitosi nuovamente il 15 aprile 1925, giudicò i timori di Sipari ingiustificati, perché gli invasi avrebbero, al contrario, costituito un elemento di bellezza aggiuntivo per il territorio[15].

La prima formale opposizione, peraltro redatta dallo stesso deputato abruzzese, fu presentata dal Comune di Pescasseroli nel 1925. Essa faceva riferimento al solo invaso di Opi, la cui costruzione avrebbe avvicinato le acque fino alle prime case dell’abitato[16]. In più, vi si affacciava il sospetto che la richiesta di concessione fosse la conseguenza della concorrenza con la Società Meridionale di Elettricità, che in precedenza aveva ottenuto, nella stessa regione, la concessione del cosiddetto “Pantano” della Zittola:

 

Anche questa Amministrazione non accordava eccessivo credito alle richieste della Società, giacché essa le considerava come semplici espedienti di gare tra accaparratori di acqua pubbliche, e non come veri propositi, poiché è nella nostra regione risaputo che fin dal 1905 l’Ing. Erminio Sipari aveva studiato la possibilità di formare il lago di Opi per riversare le acque nella Valle di Comino, utilizzando un salto di circa 600 metri, con ragguardevole sviluppo di energia idroelettrica; ma che egli desistesse subito dall’idea, principalmente per il fatto che il fondo ed una parete del costituendo lago risultarono permeabilissimi in seguito alle indagini fatte[17].

 

         A differenza di Pescasseroli, il Comune di Barrea aveva impiantato il proprio atto di opposizione in funzione di ragioni prevalentemente economico-sociali, richiamandosi ad un «sentimento di giustizia umanitaria». Il secondo bacino, infatti, avrebbe tolto agli abitanti una delle zone più fertili e avrebbe comportato lo spostamento, oltreché del cimitero comunale e di una chiesa, di quattro mulini ad acqua e di una officina elettrica[18].

Se queste due prime opposizioni, che non introducevano spunti tecnici di rilievo, rivelarono la mancanza di un programma organico, anche in quanto presentate disgiuntamente,  le successive, invece, avrebbero fatto parte di una strategia complessiva che mirava, unendo più comuni, enti ed associazioni sotto l’egida del Parco, a coinvolgere, da una parte, il mondo intellettuale, scientifico e politico, ad affrontare sistematicamente, dall’altra, tutti gli aspetti connessi alla vicenda, commissionando autorevoli studi e perizie.

 

Le ragioni dell’opposizione

Nel ’27, in un atto aggiunto all’Atto di opposizione, che era stato indirizzato al ministro dei Ll. Pp., Sipari scriveva che non si poteva più accettare a scatola chiusa il fatto compiuto, approvando, cioè, un progetto solo perché a promuoverlo era stata la Terni[19]. Secondo il deputato, infatti, erano passati i tempi in cui si lasciava alle società di elettricità la possibilità di «manipolare a loro talento progetti e piani finanziari con cifre addomesticate e deformate, in guisa da giungere all’ammontare prefisso per il sussidio statale da ottenere»[20]. 

Va detto però che le motivazioni addotte dall’Ente Parco erano soprattutto di natura tecnica. Non va trascurato, del resto, che Sipari si era laureato in ingegneria elettrica a Torino e successivamente specializzato a Liegi. E l’Atto di opposizione principale, formato da ben 90 documenti fra relazioni, perizie e mappe, rappresentava  la testimonianza più chiara delle sue competenze e della strategia complessiva che aveva elaborato. Lo stesso atto, infatti, comprendeva pure trenta pareri a stampa, dei più noti specialisti, per lo più titolari di cattedre universitarie, che esaminavano ogni aspetto della questione: dalla deturpazione del paesaggio (perizie: Kambo, Giorgi, Mattirolo, Petri, Perotti, Cortesi, Grande) allo sviluppo della malaria (Alessandrini, De Marchi, Pane), dalle avverse condizioni geologiche e topografiche (Crema, Zaccagna, Cicconetti, Persico) alle mal progettate opere idraulico-ingegneristiche (Giorgis e, di nuovo, Giorgi).   mancava un parere giurisprudenziale, che, nella fattispecie, fu sottoscritto dal deputato Alfredo Codacci-Pisanelli. Il noto giurista pugliese, da una parte, dimostrava che la domanda presentata dalla Carburo-Terni era illegittima in forza della legge per la tutela delle bellezze naturali dell’11 giugno 1922, e che si sarebbe verificata, dall’altra, un’impossibilità oggettiva di risarcire alle comunità e agli enti interessati gli inevitabili danni connessi alla costruzione dei bacini[21].

In questa sede, tuttavia, occorre soffermarsi soprattutto sulle motivazioni relative alla deturpazione del paesaggio e alla possibilità di sviluppo della malaria, che sarebbero risultate decisive. La formazione dei laghi, secondo gli opponenti, era in contrasto sia con il decreto istitutivo del Pna, sia con la richiamata legge del ‘22. Perché, qualora la Terni avesse voluto ovviare al riempimento dei bacini, che si sarebbe verificato a causa dei depositi di pietre, argilla e sabbia trascinate dalle piene, sarebbe dovuta ricorrere ad un insieme di imbrigliamenti con palizzate e fascine, alla formazione di piccoli bacini preliminari, a sbarramenti di muratura o di pali, nonché a cumuli di materiali estratti dalle draghe. E ciò avrebbe interessato tutta la zona precedente e susseguente gli abitati di Pescasseroli e di Villetta Barrea, al contempo sottraendo altro terreno ai consolidati usi civici ed economici locali e costituendo antiestetici depositi di materiali di trasporto. Il Parco, di fatto, sarebbe stato «profanato» non per i soli 8 km costituenti la lunghezza degli specchi d’acqua, bensì per i 19 km dell’unica strada rotabile che attraversava l’area protetta e che interessava cinque centri abitati. La deturpazione, infine, avrebbe riguardato anche le gole di Opi e di Barrea, che sarebbero state ostruite dai due alti muraglioni delle dighe di sbarramento.

Relativamente alle condizioni igieniche, l’Ente Parco era convinto che la costruzione dei  laghi avrebbe rappresentato un caso unico più unico che raro, perché essa concretava simultaneamente tre condizioni «eccezionali», la cui coesistenza avrebbe sviluppato l’endemia malarica: 1) la presenza di un tratturo (che non poteva essere spostato) percorso ancora da 140.000 capi ovini provenienti da zone malariche, e segnatamente dal Tavoliere; 2) il fondo pianeggiante, e con pendenza minima, che avrebbe determinato le lame sottili, cioè le distese di acqua di basso spessore, che favorivano lo sviluppo degli anofeli; 3) la vicinanza ai centri abitati.

Un mese più tardi, nel maggio del ’26, la Terni pubblicava la sua risposta. La dimostrazione della possibilità di costruzione dei due bacini era affidata a sei interventi, fra i quali quelli di  Giuseppe Bastianelli, Pietro Canalis e, a sopresa, Pietro Romualdo Pirotta[22]. In sostanza, forte dei pareri espressi dal Consiglio superiore dei Ll. Pp., la società riteneva che le ragioni di carattere tecnico, igienico ed artistico addotte dall’Ente Parco fossero infondate. In ogni caso i beneficî, sintetizzabili in massima parte nell’attenuazione delle piene del Sangro e nel contemporaneo aumento della sua portata estiva, che avrebbe garantito l’irrigazione della bassa valle del Sangro, sarebbero stati innegabili. A riguardo delle condizioni igieniche, invece, aveva tentato di dimostrare che a quella altitudine, ossia ai 975 metri della piana di Barrea e ai 1.150 metri di quella di Opi, non si sarebbe mai sviluppata la malaria[23]; e tuttavia, quand’anche si fosse verificata una proliferazione delle zanzare, questa stessa poteva essere efficacemente contrastata, secondo la Terni, con il taglio delle erbe acquatiche e la distribuzione di arsenicato di calcio o di petrolio greggio. A siffatte argomentazioni, Sipari replicava:

 

Ora tali provvedimenti riescono economicamente possibili e possono conseguire lo scopo quando trattisi di piccoli stagni. Nel caso, invece, dei due laghi artificiali progettati, la cui massa d’acqua, secondo i calcoli del Genio Civile, sarebbe di 56 milioni di metri cubi, e nei quali le lame sottili avrebbero una superficie di 27 mila metri quadrati, l’intervento umano non può dare più garanzia. Comunque esso riuscirebbe antieconomico per l’ingente spesa, e la Società sarebbe indotta a ridurre al minimo possibile tale spesa, frustrando così l’intento. Si constata ogni giorno in qual modo le Società idroelettriche tengano fede agli obblighi contenuti nel disciplinare allegato alla concessione; la stessa Società “Terni”, che si obbligò di lasciar defluire ogni domenica l’acqua della cascata delle Marmore, non tiene fede all’impegno assunto, tanto che è dovuto intervenire, per la difesa del paesaggio, il Ministero della Pubblica Istruzione[24].

 

Ciò che più importa, tuttavia, è una successiva Breve memoria indirizzata della stessa società al ministro Giuriati, nella quale si rilevava che i due invasi sarebbero stati da tempo realizzati «se contro il progetto non fosse sorta ed ostinatamente mantenuta l’opposizione di una sola persona, sia pure sotto vesti diverse, ad ostacolare le procedure dell’istruttoria». Perché il progetto, stando a questa memoria, era avversato «dal solo On. Sipari»[25]. Non v’è dubbio che il presidente dell’Ente Parco riuscì a convogliare nella difesa del Pna le sue amicizie, spesso retaggio di consolidati interessi socioeconomici, che affondavano le proprie origini nella pastorizia transumante[26], e a compattare per lo stesso fine il gruppo politico abruzzese molisano. Lo testimoniano, ad esempio, sia il voto unanime dei pastori e dei proprietari di greggi abruzzesi e pugliesi contro la formazione dei laghi, come comunicato a Mussolini dall’influente segretario generale della Federazione nazionale dei sindacati fascisti dell’agricoltura[27], sia l’interrogazione presentata da 19 deputati (abruzzesi, campani e pugliesi) del dicembre 1926 sulla quale si tornerà in seguito. è possibile dubitare che, anche grazie al prestigio sociale e politico di cui godeva nella valle, riuscì sostanzialmente ad arginare le divisioni della comunità locale, divisioni che pure erano tutt’altro che latenti.

D’altra parte, non possono essere trascurati tutti gli articoli che erano stati pubblicati ad opera di diversi esponenti del panorama scientifico-naturalista e intellettuale. E che, oltretutto, le opposizioni presentate erano giunte ad un totale di 34. Fra queste, quelle di 18 comuni abruzzesi, laziali e pugliesi, delle camere di Commercio di Aquila e Foggia, della Società sportiva “Lazio” e del Club Alpino Italiano[28]. Se quindi l’affermazione relativa all’incalzante opera di Sipari era più che realistica, non altrettanto poteva dirsi di una successiva asserzione di Bocciardo, secondo il quale erano «luminosamente» schierate a favore dei laghi tutte le autorità politiche abruzzesi[29].

 

Una «vittoriosa difesa del nostro paesaggio»

         Come anticipato, alle opposizioni si era aggiunta, il 18 dicembre 1926, un’interrogazione parlamentare presentata da ben 19 deputati abruzzesi, campani e pugliesi, fra i quali, oltre naturalmente Sipari, Acerbo, Maury, Pavoncelli, Sardi, Serena e l’anziano Salandra. Manifestavano la loro preoccupazione per i danni, specialmente quelli relativi allo svolgimento dell’industria armentizia, che sarebbero certamente derivati dalla formazione dei «perniciosissimi laghi artificiali»[30]. 

Ma la risposta del capo del Governo non sarebbe arrivata prima di un anno. Finalmente, il 7 dicembre 1927, il ministro della pubblica istruzione Pietro Fedele suggerì a Mussolini di fornire la risposta – di cui allegava la bozza – entro la metà di dicembre stesso, affinché «Sipari ed i suoi collaboratori nella difesa» del Pna potessero «invocare» la decisione del Governo alla successiva seduta del Consiglio Superiore dei Ll. Pp.. Come si desume, la decisione politica era già stata presa, tanto che, due giorni dopo, Mussolini diede parere favorevole alla risposta. Del resto, il fascismo non era ancora pronto a smentire una sua recente “creazione”, i parchi nazionali, per quanto tale posizione non sarebbe durata a lungo. Ma, in definitiva, si rivelarono decisivi il sostegno del panorama scientifico-naturalistico ed intellettuale italiano, che si era compattato nel nome del Pna, come quello di alcuni esponenti di spicco del regime, con in testa l’abruzzese Giacomo Acerbo, nonché il pericolo della malaria forse più di quello della deturpazione del paesaggio[31].

Sicché il 16 dicembre, alla Camera, Fedele rispondeva che, secondo gli accertamenti condotti, «tutte» le conseguenze indicate dagli opponenti (malaria, manomissione del paesaggio, danni per l’agricoltura) erano «da temersi». E considerato che nessun aumento di energia idroelettrica avrebbe potuto «mai compensare tali gravi e molteplici danni, in gran parte irreparabili», il Governo aveva pertanto determinato di non consentire la formazione dei laghi artificiali di Opi e di Barrea[32]. Ma c’era di più. Così, infatti, concludeva il ministro:

 

Istituire un Parco Nazionale significa sottrarre il suo territorio allo sfruttamento di eccezione e immobilizzarlo nel suo sfruttamento normale, quale viene esercitato da secoli: e ciò per vari scopi nobilissimi di coltura, di estetica, di avviamento turistico, di preservazione delle forme geologiche che lo adornano e della flora e della fauna che lo arricchiscono. Scopi questi riconosciuti da tutte le Nazioni, dall’America che fu la prima ad istituire numerosi parchi di tal genere, all’Europa che ne va istituendo dovunque. Or è evidente che laghi artificiali, quando anche non provocassero le gravi conseguenze che vi è ogni ragione di temere, lederebbero la integrità del Parco d’Abruzzo e renderebbero vani gli scopi per cui fu istituito. La concessione […] quindi, a maggior ragione, non può essere dal Governo accordata[33].

         

 

La risposta, naturalmente, ridiede vigore alle speranze dell’Ente Parco di uno sviluppo turistico della regione marsicana. Tuttavia, prima di sentire nuovamente i veri protagonisti, l’opinione pubblica subì la propaganda del regime, che, avendo accuratamente evitato in tutte le occasioni di nominare direttamente la Terni, doveva ora sancire adeguatamente la sua completa vittoria. Appare significativo, in tal senso, l’articolo di Paolo Orano pubblicato su «La Stirpe» del giugno 1926 ancor prima del responso governativo. Egli  richiamava i fasti delle antiche genti italiche per delineare la continuità con «il valore morale e civile» che presiedeva all’istituzione del Pna, un’istituzione voluta fortemente dal fascismo, e che, al termine di un’estenuante battaglia condotta contro gli «interessati privi del sacro scrupolo della conservazione», aveva finalmente raggiunto la «magnifica vittoria della bellezza e della religione, della terra»[34].

Diversamente, il battage promozionale del Pna, che si era interrotto, con qualche eccezione, nel 1925[35], veniva affidato al gruppo storico dei sostenitori dell’area protetta. Oltre al già citato scritto sipariano Il Parco nazionale d’Abruzzo liberato dall’allagamento[36], si susseguono, infatti, gli articoli del padre dell’architettura accademica romana Gustavo Giovannoni, del presidente del Tci Giovanni Bognetti e del geografo Roberto Almagià[37]. Allo stesso tempo si faceva sempre più incisiva l’attività dell’Ente, riattando i rifugi, migliorando i sentieri, affiggendo le tabelle dei divieti, e – soprattutto – si cominciava ad incentivare l’apertura di piccole strutture ricettive, seguendone l’evolversi, dalla costruzione all’arredo, nell’impossibilità di realizzare un grande albergo[38].

 

Una vittoria parziale, un modello per il futuro

La risposta del Governo, per quanto apparentemente inequivocabile, non comportò, in realtà, la sospensione dell’iter amministrativo della pratica. D’altra parte, la Terni non smise di fare pressioni sui ministri dei Ll. Pp. del periodo (Carnazza, Sarrocchi, Giuriati, Mussolini stesso, Bianchi e Crollalanza), e questi, a loro volta, cercarono invano di far recedere dalla posizione contraria i colleghi della pubblica istruzione-educazione nazionale (Casati, Fedele, Belluzzo e Giuliano), che avevano sempre apposto il veto in ragione della legge del ‘22. Ad esempio, ancora nel 1930, il ministro Crollalanza scriveva a Mussolini: «Sembrami, pertanto, opportuno che, a rimuovere l’opposizione del Ministro dell’Educazione Nazionale, l’E.V., qualora convenga nel parere espresso dal Consiglio Superiore dei LL. PP. e nelle considerazioni da me svolte, intervenga presso il Ministro stesso per indurlo a desistere dall’atteggiamento assunto»[39].

Ma in precedenza si era verificato un altro episodio, i cui esiti avrebbero decretato l’uscita di scena di Sipari. Nell’ottobre 1928, Arturo Bocciardo aveva inviato al capo del Governo un pro-memoria nel quale, giudicando le ragioni del presidente dell’Ente Parco «destituite di qualsiasi fondamento», chiedeva, oltreché di riesaminare l’intera vicenda, di essere ricevuto. Mussolini, che nello stesso periodo si era sempre rifiutato di concedere un colloquio all’artefice del Pna, incontrò invece, e più volte, l’amministratore delegato della Terni. A seguito di uno di questi incontri, Bocciardo consegnò al capo di Governo dei documenti che riguardavano il deputato abruzzese e, in particolare, gli accordi presi, nel 1922, tra l’Ente Parco e la Carburo. L’intento era quello di screditare Sipari, dimostrando il suo iniziale sostegno alla costruzione dei due laghi.

Tuttavia, nella bozza di accordo che era finita nelle mani di Mussolini, si condizionava l’adesione alla formazione dei bacini alla dimostrazione che lo stagnamento dell’acqua non avesse prodotto la malaria e che le zone in parte acquitrinose, quelle cioè soggette all’alternanza dell’acqua con l’asciutto, fossero state rivestite di zolle erbose che ne evitassero il «triste carattere brullo»; e, soprattutto, che la società avesse fornito, nel complesso, tutte «le necessarie ed esaurienti garanzie», affinché i laghi non potessero «in alcun modo» deturpare il paesaggio[40]. Come si evince, e come, del resto, Sipari aveva sempre dichiarato, fu la mancanza di siffatte garanzie a non sostanziare l’accordo e a determinare la descritta opposizione.

Se è chiaro che l’intervento di Bocciardo incise in qualche misura sulla mancata nomina di Sipari a senatore, nomina che pure sembrava imminente[41], e che le iniziative della Terni e i pareri del Consiglio superiore dei Ll. Pp. si erano oramai rivolti alla formazione del solo bacino di Barrea[42], non sono ancora del tutto chiari i motivi che spinsero il regime a decretare improvvisamente, nel ’33, lo scioglimento delle amministrazioni dei due parchi nazionali italiani, la cui “gestione” fu affidata alle milizie forestali. Ciò non toglie che nello stesso periodo, ovvero a dieci anni esatti dall’istituzione del Pna, e al di là della conservazione naturalistica, che indiscutibilmente aveva ottenuto i risultati migliori, la politica dell’Ente Parco aveva prodotto un flusso turistico d’élite, pur modesto ma certamente significativo per un territorio montano sconosciuto, e promosso la conoscenza delle sue bellezze, premessa indispensabile per il futuro sviluppo ecoturistico[43].

Nel ‘24, nel suo articolo pubblicato sulla «Nuova Antologia», Sipari aveva scritto che, per attuare il suo programma, sarebbero occorsi decenni. I pochi fondi a disposizione dovevano essere impiegati, infatti, per rimboschire le «chiazze brulle», per rendere più puliti e verdi i pascoli montani, per aumentare le fontane, costruire sia «una rete di strade mulattiere» che rendesse «accessibili i recessi più ignorati, i posti pittoreschi o le vette da cui scoprono i panorami» sia i rifugi; e per aumentare il numero di orsi e camosci, creare un museo, un giardino zoologico, un giardino delle piante, migliorare le vie ed i mezzi di comunicazione, gli alloggi nei paesi, promuovere l’industria alberghiera e – last but not least – sviluppare una propaganda continua, affinché tutti potessero comprendere «lo scopo sociale e igienico dei Parchi Nazionali» e l’utilità «a beneficio del corpo e della mente» di trascorrere festività e vacanze sui monti protetti abruzzesi[44]. Di questo preventivo, peraltro magistralmente sviluppato nella Relazione del ’23, molto era stato realizzato. Tant’è che in un bel volume curato dalla sezione romana del Club Alpino Italiano, e pubblicato in occasione del decennale del Pna, il presidente dell’Ente poteva guardare con soddisfazione ai due lustri in cui lo aveva amministrato, sancendone così gli esiti:

 

Oggi, a dieci anni dal riconoscimento ufficiale del Parco […] sono state tutelate le sue bellezze naturali; si è conseguito il fine del ripopolamento della selvaggina, poiché gli orsi hanno di nuovo saturata la zona e sconfinato dal Parco, i camosci, come gli orsi, hanno raggiunto il numero di 200 e le lepri sono divenute legioni; si è arginata la distruzione dei boschi […] e si vanno attuando i piani economici dei tagli, e svariati rimboschimenti; si sono migliorate le comunicazioni […] e si è provveduto all’apertura di sei primi alberghetti alpini. È ammirevole che delle foreste millenarie, abitate da orsi e da camosci, sussistano ancora ad appena qualche centinaio di chilometri da due popolose città come Roma e Napoli, quando gli orsi da duecento anni sono del tutto scomparsi in Corsica e quando gli svedesi hanno recentemente deciso una incomprensibile distruzione di quelli che restano loro. È un onore per i montanari dei 13 Comuni, che hanno i loro territori entro il perimetro del Parco, aver compreso che essi dovevano lasciar vivere i loro orsi, che tanto contribuiscono alla rude e selvaggia poesia dei lori monti[45].

 

Lorenzo Arnone Sipari

Storico della conservazione della natura in Italia

Specializzando in filologia moderna all’Università di Cassino

 



* La vicenda in oggetto è documentata in Archivio Centrale dello Stato, Presidenza del Consiglio dei Ministri, 1928-1930, b. 3.1, fasc. 12, cui si rimanda per gli scritti (lettere, memoriali, pareri e verbali) di volta in volta citati.

[1] Sulla genesi del Pna, in relazione al primo movimento per la conservazione della natura, si vedano, oltre alla fondamentale Relazione del Presidente del Direttorio provvisorio dell’Ente Autonomo del Parco Nazionale d’Abruzzo alla Commissione amministratrice dell’Ente stesso, nominata con Regio Decreto 25 marzo 1923, Tivoli 1926 [rist. an. Roma 1997], L. Piccioni, Erminio Sipari. Origini sociali e opere dell’artefice del Parco Nazionale d’Abruzzo, Camerino 1997, pp. 75-101; Idem, Il volto amato della Patria. Il primo movimento per la protezione della natura in Italia 1880-1934, Camerino 1999, pp. 228-47; J. Sievert, The Origins of Nature Conservation in Italy, Bern 2000, pp. 165-81.

[2] Sull’opera di Ghigi e di Pirotta si rimanda, rispettivamente, a M. Spagnesi (a cura di), Alessandro Ghigi naturalista ed ecologo, Atti del Convegno (Bologna, 8 ottobre 1999), Bologna 2000 e a F. Pedrotti, Alle origini del Parco Nazionale d’Abruzzo: le iniziative di Pietro Romualdo Pirotta, Camerino 1998.

[3] P.R. Pirotta, Il Parco Nazionale dell’Abruzzo, Roma 1917, pp. 3-30; L. Parpagliolo, Un Parco Nazionale in Abruzzo, «Nuova Antologia», XXIII, 16.05.1918, pp. 146-59; E. Sarti, Il Parco Nazionale d’Abruzzo, «Le vie d’Italia», II (1918), n° 11, pp. 663-73. 

[4] Cfr. Normativa del Parco. Nuova raccolta aggiornata ed integrata delle leggi e dei regolamenti concernenti il Parco Nazionale d’Abruzzo, Roma 1993, pp. 17-18.

[5] Cfr. E. Sarti, op. cit., pp. 668-71.

[6] La proposta e il relativo progetto sono elaborati in E. Sipari, Relazione, cit., pp. 147-50.

[7] Cfr. L. Arnone Sipari, Il percorso di Croce all’ecologia liberale attraverso le radici materne, in Croce tra noi. Due Giornate di studio (Pescasseroli-Università di Cassino, 3-4 giugno 2003), Atripalda 2003, pp. 25-37.

[8] E. Agostinone, In Abruzzo: il Parco nazionale dell’orso, «Emporium», 1924, vol. LX, pp. 442-49.

[9] E. Sipari, Il Parco Nazionale d’Abruzzo, estratto da «Nuova Antologia» del 16.07.1924, pp. 13-14.

[10] Cfr. L. Piccioni, Una visione in anticipo sui tempi. L’intreccio tutela ambientale-sviluppo turistico alle origini del Parco Nazionale d’Abruzzo, in La lunga guerra per il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lanciano 1998, pp. 19-47.

[11] [E. Sipari], Occorre difendere le bellezze del Parco Nazionale, «Il Lavoro d’Italia Agricolo», I (1927), n° 4, p. 3.

[12] G. Volpe, Il Parco nazionale d’Abruzzo e i suoi nemici, «Corriere della Sera», LII (1927), n° 47, p. 1.

[13] Si rimanda al classico F. Bonelli, Lo sviluppo di una grande impresa. La Terni dal 1884 al 1962, Torino 1975.

[14] Cfr. Normativa del Parco, cit., pp. 19-23 (regi decreti 31.12.1925 n° 2388, 13.08.1923 n° 1960, 16.09.1926 n° 1679).

[15] Una precisa per quanto sintetica ricostruzione delle svariate opposizioni, e delle motivazioni che le hanno ispirate, è contenuta sia nella «Premessa» alla Deliberazione del Consiglio superiore dei Lavori pubblici [del 28 luglio 1930], specie pp. 4-6, sia in un Pro-memoria sull’utilizzazione dell’Alto Sangro, s.d. [ma 1930], pp. 1-4.

[16] Cfr. Atto di Opposizione del Comune di Pescasseroli contro la formazione del lago artificiale di Opi, Roma 1925, pp. 6-30.

[17] Ivi, pp. 14-15.

[18] Cfr. Memoria del Comune di Barrea per la formazione del lago artificiale di Barrea nell’alta valle del Sangro, in U. D’Andrea (a cura di), I capitoli di Barrea del 1495-96 e del 1534 e la corrispondenza del 1912-1921 tra Giuseppe Antonucci ed Alfonso Colarossi-Mancini, Casamari 1989, pp. 77-83.

[19] Cfr. E. Sipari, Atto aggiunto all’atto di opposizione 3 aprile 1927 alla progettata formazione dei laghi artificiali di Opi e di Barrea, Roma 1927, p. 167.

[20] Ivi, p. 168.

[21] Cfr. A. Codacci-Pisanelli, Parere pro veritate richiesto dall’Ente Autonomo del Parco Nazionale d’Abruzzo sulla legittimità della concessione di formare due laghi artificiali nell’Alta Valle del Sangro e sulla risarcibilità dei danni derivanti da tali opere, Roma 1927, pp. 1-219.

[22] Cfr. Impianto del Sangro. I serbatoi di Opi e di Barrea, Roma 1926, pp. 1-67. La presenza dello studio del Pirotta, fra gli interventi in favore della Terni, non poteva che essere legato all’autorizzazione data dall’Ente Parco al taglio di un bosco, autorizzazione che aveva comportato le dimissioni del botanico dal consiglio dello stesso. Si veda, in proposito, F. Pedrotti, Alle origini del Parco, cit., specie pp. 7-9. 

[23] Questo argomento venne presto accantonato, perché, a seguito di un’ispezione del Ministero dell’Interno, si era riscontrata la presenza di qualche anofele in tutti i paesi dell’Alto Sangro, avvalorando così le già di per sé autorevoli perizie dei professori Alessandrini e Pane comprese nell’Atto di Opposizione principale.

[24] Il passo è estrapolato da una relazione di Sipari, che era stata inviata, nel ’29, sia al capo del Governo che al ministro dei lavori pubblici, per richiedere la sospensione definitiva della pratica.

[25] Impianto del Sangro. Breve memoria riassuntiva a S.E. il Ministro dei LL. PP., Roma 1927, pp. 3-4.

[26] Cfr. L. Piccioni, Erminio Sipari, cit., pp. 54-59; L. Arnone Sipari, Famiglia, patrimonio, potere locale: i Sipari in Terra di Lavoro nella seconda metà dell’800, in S. Casmirri (a cura di), Le élites italiane prima e dopo l’Unità: formazione e vita civile, Marina di Minturno 2000, pp. 225-31.

[27] Lettera di Luigi Razza a Benito Mussolini del 27 luglio 1927.

[28] Deliberazione del Consiglio Superiore, cit., pp. 5-6.

[29] Lettera di Arturo Bocciardo a Benito Mussolini dell’11 ottobre 1928.

[30] Interrogazione presentata alla Camera dei Deputati nella tornata del 18 dicembre 1926 contro la progettata formazione di laghi artificiali nelle valli di Opi e di Barrea e risposta comunicata dal Governo nella tornata del 16 dicembre 1927, Roma 1928, p. 1.

[31] Secondo la dettagliata Relazione al Consiglio Superiore di Sanità intorno agli atti compiuti dall’Amministrazione della Sanità Pubblica dal 1° luglio 1924 al 31 maggio 1925, ora in S. Franco, Legislazione e politica sanitaria del fascismo, Roma 2001, pp. 31-70, nel solo ‘23 si erano registrate 3.303 vittime causate dalla malaria. Tale cifra, nonostante una progressiva e per certi versi scontata diminuzione dal primo dopoguerra, rimase tuttavia invariata rispetto all’anteguerra, dimostrando, cioè, l’inadeguatezza delle cure tradizionali, e spingendo il fascismo a nuove sperimentazioni e alla formazione di scuole ed istituti di malariologia.

[32] Cfr. Interrogazione, cit., p. 17.

[33] Ibidem.

[34] P. Orano, Una vittoriosa difesa del nostro paesaggio. Il Parco Nazionale d’Abruzzo, «La Stirpe», IV (1926), n° 6, pp. 289-92.

[35] Si tenga conto, però, che nel ’26 Sipari aveva dato alle stampe, almeno, la citata Relazione letta nel 1923 e l’articolo La lince nel Parco Nazionale d’Abruzzo, «Il Cacciatore Italiano», XL (1926), n° 28, pp. 668-70.

[36] E. Sipari, Il Parco Nazionale d’Abruzzo liberato dall’allagamento, «Il Centauro», I (1928), n° 1, pp. 7-22.

[37] G. Giovannoni, Il Parco Nazionale d’Abruzzo e i nuovi suoi rifugi, «Club Alpino Italiano. Bollettino della Sezione di Roma», VII (1927), n° 1, pp. 3-4; G. Bognetti, Per il Parco Nazionale d’Abruzzo, «Le Vie d’Italia», XXXIV (1928), n° 3, pp. 195-205; R. Almagià, Il Parco Nazionale d’Abruzzo, «L’Universo», X (1929), n°4, pp. 377-92.

[38] Cfr. L. Piccioni, Una visione in anticipo sui tempi, cit., p. 41.

[39] Lettera di Araldo Crollalanza a Benito Mussolini del 12 settembre 1930.

[40] Si veda lo Schema di accordi tra l’Ente Autonomo Parco Nazionale d’Abruzzo e la Società per la costituzione laghi in funzione della produzione di energia elettrica, allegato alla lettera di Erminio Sipari alla Società Italiana per il Carburo di Calcio del 27 aprile 1922. La Commissione che preparò lo Schema era composta da Pietro Romualdo Pirotta, Ercole Sarti, Gustavo Giovannoni, Michele Oro e Guido Borghesani.

[41] Cfr. L. Piccioni, Erminio Sipari, cit., p. 95.

[42] Anche se l’Ente Parco continuò a commissionare relazioni che prendevano in esame entrambi i bacini. In tal senso, fra le altre, M. Gortani, Relazione geologica sulle conche di Opi e di Barrea nei riguardi dei progettati laghi artificiali, Roma 1932, pp. 3-22; G. Dainelli, Sulle condizioni geologiche dei bacini di Opi e di Barrea (Alto Sangro) in relazione con i progettati laghi artificiali, Roma 1933, pp. 1-179.

[43] Cfr. L. Arnone Sipari, Verso l’oro verde. La costruzione del turismo nel Parco Nazionale d’Abruzzo (1948-1973), in «Adriatico», III (2002), n° 3, pp. 39-47.

[44] E. Sipari, Il Parco Nazionale d’Abruzzo, estratto, cit., pp. 16-18.

[45] Idem, L’istituzione del Parco e i risultati conseguiti nel primo Decennale Fascista, in Il Parco Nazionale d’Abruzzo, Roma 1933, p. XV.

 

Anno 2004
2004
Anno 2005
2005
Anno 2006
2006
Anno 2007
2007
 Scrivi alla Redazione